Controllo fumi caldaia Roma, ecco le scadenze ufficiali

" L'entrata in vigore del DPR 74 del 2013 ha modificato le scaldenze del controllo fumi alla caldaia a Roma ed in Italia. Ecco le tempistiche ufficiali e i nostri consigli. "

Data: 3/9/18 | Vista: 3590

Controllo fumi caldaia Roma, ecco le scadenze ufficiali

Controllo fumi caldaia Roma: le scadenze introdotte dal DPR 74 del 2013

Tutte le caldaie a gas devono essere sottoposte a controlli che ne valutino l'efficienza energetica. Ciò che viene valutato al momento del controllo dei fumi della caldaia, noto anche come controllo della combustione, è la quantità di inquinanti presenti all'interno dei gas di scarico.

Tale quantità, infatti, deve rientrare all'interno di limiti ben precisi stabiliti per legge.

Ecco le nuove tempistiche introdotte dal DPR 74 del 2013: contattaci se hai bisogno di sottoporre a manutenzione il tuo impianto di riscaldamento!

Scadenze controllo dei fumi alla caldaia

In seguito all'entrata in vigore del DPR 74 del 2013 le scadenze per il controllo dei fumi della caldaia a Roma e nel resto del Paese sono le seguenti:

  • tutti gli impianti con potenza compresa tra i 10 e i 100 kW alimentati con combustibile solido o liquido devono eseguire il controllo dei fumi ogni 2 anni;

  • tutti gli impianti con la medesima potenza alimentati a gas metano o GPL devono eseguire il controllo dei fumi ogni 4 anni;

  • tutti gli impianti che hanno una potenza superiore ai 100 kW hanno tempistiche dimezzate: ogni anno se alimentati con combustibile solido o liquido e ogni 2 anni se alimentati a GPL o metano.

Sono queste le tempistiche più recenti e ufficiali legate al controllo dei fumi della caldaia. Esse, però, non vanno confuse con i controlli di manutenzione periodica volti al mantenimento dell'impianto in sicurezza.

Il controllo dei fumi della caldaia è diverso dalla manutenzione dell'impianto

La manutenzione dell'impianto di riscaldamento è importantissima e profondamente diversa dal controllo dei fumi di scarico. Il suo scopo, infatti, è quello di verificarne il corretto funzionamento e riparare prontamente eventuali guasti e malfunzionamenti che potrebbero renderne l'uso meno sicuro.

In questo caso il DPR 74 del 2013 indica il principio di gerarchia come l'unico valido per orientarsi sulle tempistiche dei controlli. In questo caso, infatti, bisogna attenersi alle indicazioni fornite dall'installatore dell'impianto e, in loro assenza, alle indicazioni presenti all'interno del libretto d'uso compilato dal fabbricante della caldaia. In mancanza di entrambi si può far riferimento alle direttive nazionali.

Inoltre, poniamo l'accento altresì sull'importanza del rilascio o rinnovo del bollino blu, che può essere concesso solo da società autorizzata dal Comune di residenza.

Manutenzione della caldaia ai fini della sicurezza: i nostri consigli

Al di là del controllo dei fumi della caldaia, solitamente noi consigliamo di eseguire la manutenzione ordinaria dell'impianto di riscaldamento almeno una volta l'anno. In tal modo si ha la certezza di una caldaia funzionante in completa sicurezza e al massimo della sua efficienza.

Desideri prenotare il controllo fumi della tua caldaia o la manutenzione periodica? Scopri il nostro servizio oppure contattaci per maggiori informazioni!

Richiedi Informazioni!

"Controllo fumi caldaia Roma, ecco le scadenze ufficiali "

Voto: 5 su 5
di 3 votanti.

Voti Articolo


Torna Su