Manutenzione caldaia casa vuota

" La manutenzione della caldaia è obbligatoria anche quando la casa è vuota? Scoprilo nel nostro approfondimento con tutti i consigli per evitare di incorrere in sanzioni! "

Data: 5/9/18 | Vista: 3906

Manutenzione caldaia casa vuota

Manutenzione caldaia casa vuota: ecco come orientarsi

La manutenzione della caldaia di una casa vuota può essere evitata? Molti proprietari di case vacanza e appartamenti che non usano tendono a farsi questa domanda. Come bisogna orientarsi per evitare le sanzioni relative ai controlli obbligatori che periodicamente devono essere effettuati dal responsabile dell’impianto?

Continua a leggere per scoprirlo e se hai bisogno della manutenzione della tua caldaia, scopri la nostra offerta oppure non esitare: contattaci ora! Ti risponderemo in pochissimo tempo!

L’impianto di riscaldamento “inattivo”

L’unico tipo di impianto di riscaldamento non soggetto a controllo dei fumi, manutenzione periodica e oneri vari è quello dichiarato “inattivo”, un impianto oggettivamente non funzionante e dichiarato tale.

Per poter essere considerato inattivo non è sufficiente che la casa in cui sia installato sia disabitata per brevi o lunghi periodi. Deve avere caratteristiche ben definite, ovvero:

  • se alimentato a gas di rete, il contratto con il distributore del gas deve essere stato disdetto e il contatore sigillato;

  • in presenza di un impianto di riscaldamento non alimentato a gas e in assenza di bomboloni o serbatoi per il combustibile;

  • in presenza di un impianto a gas con caldaia usata soltanto come scaldacqua unifamiliare ma in assenza di termosifoni o ventilconvettori (non deve essere presente, quindi, l’impianto di riscaldamento ma soltanto quello relativo alla produzione dell’acqua calda sanitaria).

Una volta disattivato l’impianto di riscaldamento, per essere in regola bisogna dichiarare la data di disattivazione tramite una dichiarazione ufficiale dotata delle necessarie annotazioni. Soltanto in questo modo l’impianto di riscaldamento può essere considerato inattivo e pertanto non soggetto ai controlli periodici obbligatori per legge. In tutti gli altri casi diversi da quelli appena elencati, il responsabile di impianto è tenuto alla normale revisione degli impianti, compreso il rinnovo del bollino blu

Manutenzione caldaia di una casa vuota: la rimessa in funzione dell’impianto

Accade molto frequentemente che le case disabitate vengano messe in affitto dal proprietario e se in casa c’è un impianto di riscaldamento inattivo può accadere che questo debba essere riattivato.

Se l’inquilino intende utilizzare la caldaia soltanto per la produzione di acqua calda sanitaria (rientrando quindi nella terza delle precedenti opzioni) non è necessario riattivare l’impianto. Se, invece, la caldaia deve essere utilizzata in tutte le sue funzioni allora è necessario procedere con la riattivazione dell’impianto. A questo punto il responsabile dell’impianto non è più il proprietario ma l’inquilino: pertanto, se a seguito di eventuali controlli l’impianto non dovesse risultare in regola sarà lui a incorrere nelle sanzioni previste.

Come fare per riattivare l’impianto di riscaldamento inattivo? La procedura è semplice: basta prendere contatto con un’azienda specializzata in controlli per caldaie per poter effettuare la manutenzione e i controlli relativi alla riattivazione della caldaia. Bisogna, infine, comunicare la messa in funzione dell’impianto.

Da questo momento in poi i controlli periodici sull’impianto di riscaldamento devono essere effettuati secondo le indicazioni di legge: scopri di più

Hai bisogno di un tecnico specializzato per effettuare i controlli sul tuo impianto di riscaldamento? Non esitare: contattaci ora! Ti risponderemo in pochissimo tempo!

Richiedi Informazioni!

"Manutenzione caldaia casa vuota "

Voto: 5 su 5
di 2 votanti.

Voti Articolo


Torna Su